2021: l’Istituto Tedesco ITQF e La Repubblica premiano Alias Group

In uno speciale su La Repubblica Affari&Finanza e online sul sito de La Repubblica sono stati pubblicati i risultati dell’analisi commissionata all’Istituto Tedesco ITQF, un ente indipendente leader in Europa nelle indagini di qualità: “l’analisi riconosce le eccellenze dell’economia italiana che nonostante un quadro macroeconomico molto difficile dovuto all’emergenza sanitaria, registrano uno sviluppo notevole. Si tratta dell’Italia dinamica che, attraverso nuove tecnologie, innovazioni ed esportazioni spesso a livello mondiale, crea posti di lavoro e distribuisce benessere e ricchezza nel territorio”. (Christian Bieker, direttore ITQF).

Lo studio ha selezionato – con severi criteri oggettivi e scientifici – 600 imprese (su 25.000 auto-candidatesi), con un fatturato aggregato di 14,7 miliardi di euro nel 2020 e in crescita del 50% rispetto al 2017. Oltre la metà hanno sede in Lombardia, Lazio, Emilia Romagna e Veneto. 5 i settori di appartenenza, strategici per il mercato: prodotti industriali, tecnologia, vendita&marketing, alimentare, servizi&consulenza.

Questi i requisiti obbligatori:

  • avere raggiunto un fatturato minimo di 100.000 euro nel 2017 e di 1,2 milioni euro nel 2020;
  • essere un’azienda indipendente con sede legale in Italia e cresciuta prevalentemente in modo organico, non avendo come modello di business l’acquisizione di altre aziende;
  • non aver commesso violazioni gravi (art.80 del Dlgs. 50/2016).

Per poter scartare aziende in declino, sono stati raccolti analizzati i dati sui risultati operativi nel triennio 2017-2020 e sul numero di dipendenti.

left-quote

Rientrare tra le magnifiche 600 è la prova visibile e ufficiale del proprio successo aziendale e allo stesso tempo una concreta opportunità per dimostrare la propria capacità imprenditoriale, attrarre nuove possibilità di business, talenti e investitori. Essere presente nella lista dei Campioni della Crescita aumenta non solo la conoscenza e la reputazione dell'azienda in qualità di datore di lavoro, ma trasmette anche ai potenziali dipendenti l'idea di avere grandi prospettive per il futuro.

Christian Bieker, direttore Itqf

È corretto anche affermare che, nonostante la procedura applicata, l’indagine non pretende la completezza e l’infallibilità, poiché aziende in forte crescita potrebbero (per varie ragioni), non aver partecipato.

Qui l’articolo completo di Vito de Ceglia Ricavi moltiplicati, boom di assunti: 600 imprese trainano lo sviluppo – la Repubblica