Software in cloud

Come funziona l’invio dei dati al Sistema Tessera Sanitaria

Condividi:
LinkedInFacebookWhatsAppEmailCopy LinkShare

L’integrazione e la trasparenza delle informazioni sanitarie sono fondamentali per una efficace gestione del Sistema Sanitario Nazionale e, in questo processo, il Sistema Tessera Sanitaria (STS) svolge un ruolo centrale. In questo articolo scopriremo come funziona l’invio dei dati a questo sistema, chi è tenuto a farlo, quali sono le procedure e quali le scadenze per l’anno 2024.

Sistema Tessera Sanitaria: cos’è

Il Sistema Tessera Sanitaria è un sistema istituito ai sensi dell’art. 50 della Legge n. 326/03 che mira a digitalizzare e centralizzare le informazioni sanitarie dei cittadini. Ogni cittadino possiede una tessera sanitaria, che serve anche come carta nazionale dei servizi (CNS), che permette l’accesso ai servizi sanitari nazionali e funzionando come chiave di accesso ai dati sanitari personali.

Come funziona la trasmissione dei dati al Sistema Tessera Sanitaria?

Quando un cittadino paga per una prestazione sanitaria, gli viene rilasciato un documento fiscale, come una ricevuta o una fattura, che certifica l’effettuato pagamento. In seguito, parte un processo di registrazione e di condivisione dei dati relativi alla spesa sostenuta: in primo luogo, il fornitore del servizio sanitario è obbligato per legge a inviare telematicamente i dettagli del documento fiscale al Sistema Tessera Sanitaria entro determinate scadenze. Successivamente, il Sistema Tessera Sanitaria aggrega tutti i dati ricevuti e li trasmette all’Agenzia delle Entrate, organizzando le spese per ogni cittadino secondo la tipologia di spesa sostenuta. L’Agenzia delle Entrate, a sua volta, rende disponibili tali informazioni nella sezione apposita della dichiarazione dei redditi precompilata, evidenziando gli importi delle spese sanitarie detraibili dall’IRPEF.

Infine, a partire dal mese di febbraio, i cittadini hanno la possibilità di consultare sul Sistema Tessera Sanitaria le spese sanitarie registrate a loro nome e, se lo desiderano, possono esprimere il loro rifiuto alla trasmissione di questi dati all’Agenzia delle Entrate per l’inclusione nella dichiarazione dei redditi precompilata relativa all’anno fiscale precedente.

Trasmissione dati al Sistema Tessera Sanitaria: calendario per il 2024

Per l’anno 2024, la trasmissione dei dati deve avvenire entro date specifiche che sono generalmente fissate a cadenza trimestrale:

  • entro il 30 settembre 2024, per le spese sostenute nel primo semestre (gennaio-giugno) 2024
  • entro il 31 gennaio 2025, per le spese sostenute nel secondo semestre (luglio-dicembre) 2024.

La richiesta di cancellazione dei dati da parte del cittadino

I cittadini hanno il diritto di richiedere la cancellazione dei loro dati personali dal STS presentando una richiesta formale all’ente gestore, che deve procedere con la cancellazione nel rispetto delle normative sulla privacy e della protezione dei dati.

Quali operatori sanitari sono tenuti alla comunicazione delle spese sanitarie

Gli operatori sanitari obbligati alla comunicazione includono farmacisti, medici, laboratori di analisi e chiunque altro fornisca servizi sanitari rimborsabili o detraibili fiscalmente. Per farlo, possono avvalersi di un gestionale per l’invio dei dati al Sistema Tessera Sanitaria, così da avere la certezza di non commettere errori.

I soggetti obbligati all’invio dei dati al Sistema Tessera Sanitaria

Oltre agli operatori sanitari, sono obbligati all’invio dei dati anche gli enti di previdenza che erogano prestazioni sanitarie e le compagnie di assicurazione che gestiscono polizze sanitarie.

Fattura elettronica e invio dati al Sistema Tessera Sanitaria

L’utilizzo della fatturazione elettronica ha facilitato l’invio dei dati al STS, dato che le informazioni relative alle prestazioni sanitarie vengono automaticamente integrate nel sistema quando la fattura elettronica viene emessa.

Comunicazione spese sanitarie: prestazioni e dati da comunicare

Le prestazioni sanitarie che devono essere comunicate includono visite mediche, acquisti di farmaci, trattamenti specialistici e ogni altra spesa sanitaria detraibile.

I dati da comunicare, invece, includono il costo delle prestazioni, la data di erogazione e i dati identificativi del paziente e del fornitore di servizi sanitari.

I registratori telematici come strumenti per l’invio

I registratori telematici sono utilizzati per inviare dati al STS in tempo reale: questi dispositivi sono collegati direttamente al sistema, garantendo l’aggiornamento costante e la correttezza dei dati trasmessi.

Iscrizione al Sistema Tessera Sanitaria

Gli operatori sanitari devono iscriversi al STS per poter inviare i dati: questo processo è gestito dall’ente nazionale preposto e richiede la verifica dell’abilitazione professionale e la conformità con i requisiti tecnici.

Trasmissione dati al Sistema Tessera Sanitaria: violazioni e sanzioni

Gli operatori sanitari possono correggere eventuali errori di trasmissione senza incorrere in sanzioni se l’azione correttiva avviene entro tempi stabiliti dalla normativa.

In caso di mancato o ritardato invio dei dati sono previste delle sanzioni, multe e altre penalità amministrative, proporzionali alla gravità dell’infrazione, oltre a possibili azioni disciplinari professionali. Il sistema della Tessera Sanitaria segna un progresso significativo nel modo in cui l’Italia gestisce le spese sanitarie: attraverso questo metodo, si realizza una maggiore sorveglianza e trasparenza, essenziali per l’efficacia e la correttezza del sistema sanitario nazionale. Inoltre, la centralizzazione e la digitalizzazione dei dati sanitari non solo migliorano la gestione e l’allocazione delle risorse sanitarie, ma contribuiscono anche a prevenire le frodi e gli sprechi. Allo stesso tempo, questo sistema è progettato con rigidi protocolli di sicurezza per assicurare che la privacy e la protezione dei dati personali dei cittadini siano sempre mantenute. Implementando tali misure, il sistema garantisce che le informazioni sensibili siano maneggiate con la massima cura e secondo le normative sulla privacy più rigorose, rafforzando così la fiducia dei cittadini nel modo in cui le loro informazioni personali vengono trattate a livello nazionale.