Glossario

Firma grafometrica: una guida essenziale

Condividi:
LinkedInFacebookWhatsAppEmailCopy LinkShare

La firma grafometrica è una tecnologia che permette di riconoscere e verificare l’identità di una persona tramite l’analisi dei tratti distintivi della sua firma manoscritta.

Si tratta di un sistema di autenticazione sicuro e innovativo, che sfrutta la biometria comportamentale per garantire la validità legale dei documenti digitali, prevista dal regolamento eIDAS.

Come funziona la firma grafometrica?

La firma grafometrica si basa su un algoritmo che analizza diversi parametri della firma manoscritta, come la pressione, la velocità, l’inclinazione, il ritmo e la forma.

Questi parametri sono unici per ogni individuo e non possono essere facilmente falsificati o replicati, la firma grafometrica viene acquisita tramite un dispositivo apposito, come una tavoletta grafica, uno smartphone o un tablet e viene confrontata con un modello pre-registrato.

Se la corrispondenza è sufficientemente alta, la firma viene considerata valida e il documento viene firmato digitalmente.

Quali sono i requisiti della FEA grafometrica?

La Firma grafometrica, per essere considerata valida e affidabile, deve soddisfare i seguenti requisiti di sicurezza:

1. Identificazione del firmatario: La firma deve essere univocamente associabile al firmatario, garantendo la sua identità.

2. Connessione univoca alla firma: La firma deve essere indissolubilmente legata al firmatario, impedendo la sua dissociazione da esso.

3. Controllo esclusivo del sistema di generazione: Il firmatario deve avere il controllo esclusivo del sistema utilizzato per generare la firma, impedendo l’utilizzo improprio da parte di terzi.

4. Connessione univoca al documento: La firma deve essere legata in modo univoco al documento sottoscritto, garantendo l’integrità e l’immodificabilità del contenuto.

5. Immodificabilità del documento: Il documento sottoscritto con firma grafometrica deve essere immodificabile e inalterabile, garantendo la sua integrità nel tempo.

6. Evidenza per il firmatario: Il firmatario deve avere la possibilità di ottenere un’evidenza di quanto sottoscritto, a tutela dei suoi diritti e interessi.

Quali sono i vantaggi della firma grafometrica?

Rispetto alle firme tradizionali, la Firma grafometrica offre numerosi vantaggi in termini di sicurezza, efficienza e legalità. Prima di tutto offre maggiore sicurezza e affidabilità; infatti, basandosi su caratteristiche biometriche difficilmente imitabili, la firma grafometrica offre un elevato livello di sicurezza e riduce il rischio di frodi.

In secondo luogo, eliminando la necessità di stampare, scannerizzare o inviare documenti cartacei, la firma grafometrica semplifica e velocizza i processi di firma dei documenti digitali. Questo permette di garantire una migliore esperienza utente rendendo possibile firmare i documenti in modo naturale e intuitivo, usando la propria firma manoscritta.

Ultimo ma non meno importante, la firma grafometrica è conforme alle normative vigenti in materia di firma elettronica avanzata, garantendo così la validità legale dei documenti digitali sottoscritti.

Le diverse tipologie di firme elettroniche

Oltre alla firma grafometrica, esistono diverse tipologie di firme elettroniche, ognuna con caratteristiche e livelli di sicurezza differenti. Ecco una panoramica:

Firma elettronica semplice (o debole):

  • Si tratta di un insieme di dati in forma elettronica associati a un documento per garantirne l’autenticità.
  • Offre un livello di sicurezza base, utile per autenticare documenti non particolarmente sensibili.

Firma elettronica avanzata (FEA):

  • Garantisce un livello di sicurezza maggiore rispetto alla firma semplice.
  • Deve essere connessa unicamente al firmatario e creata con mezzi sotto il suo esclusivo controllo.
  • Consente di identificare eventuali modifiche al documento sottoscritto.

Firma elettronica qualificata (FEQ):

  • Un tipo particolare di firma elettronica avanzata che offre il massimo livello di sicurezza.
  • Si basa su un certificato qualificato che lega i dati di convalida della firma a una persona specifica.
  • Equivale a una firma autografa a tutti gli effetti legali.
  • Richiede l’utilizzo di dispositivi di firma appositi (smart card, chiavette USB, token, OTP) conformi a rigorosi requisiti di sicurezza.

La scelta della firma elettronica più adatta dipende da diversi fattori, tra cui il tipo di documento da firmare, il livello di sicurezza richiesto e le esigenze specifiche dell’utente.